• Tara, kanjon
Dai un voto >

Tara - la Lacrima d'Europa, fiume che ha creato il canyon più profondo d'Europa, secondo al mondo dopo quello del Colorado.

Tara - la Lacrima d'Europa, fiume che ha creato il canyon più profondo d'Europa, secondo al mondo dopo quello del Colorado. Un posto ideale per gli avventurieri, pescatori, amanti del moderno rafting o delle vecchie zattere di legno ...
Il limpido, impetuoso e selvaggio fiume Tara, nel Parco Nazionale del Durmitor, viene spesso chiamato ”la lacrima d’Europa”.
Sorge dal massiccio delle montagne nel nord del paese e scorre per 140 km. Con il suo confluente Piva poi forma il fiume Drina, uno dei fiumi più lunghi e più abbondanti d’acqua dei Balcani. Il Tara, con la sua potenza ha scavato la propria via nella pietra calcarea per secoli, rendendola piena di gole, ostacoli ed abissi. La secolare erosione del suolo ha creato un canyon lungo 93 km, il secondo al mondo, subito dopo il canyon del fiume Colorado. In certi punti arriva fino a 1.300 m di profondità.

Le sue rupi sono ripide, con boschi che sembrano lingue di fuoco che escono dalla freddezza e profondità del canyon.
Solo in alcuni punti, il furioso Tara da l’impressione di essere un fiume calmo. Questi rari punti che possono essere attraversati sono chiamati fiordi. Vicino a Bistrica, il letto del fiume Tara è così stretto che gli abitanti del luogo lo attraversavano semplicemente saltando. Questo luogo è chiamato Djavolje lazi (i sentieri del Diavolo).
Lungo il fiume, la vegetazione è molto fitta: pino nero, carpino orientale, frassino nero, olmo, tiglio e, più in alto, al di sopra delle rocce, si possono vedere querce da sughero, carpini, aceri e faggi. Nelle aree sopra ai 1000 m, si trovano foreste di abete comune e abete rosso. Le foreste di pini neri sono di particolare pregio. "Crna poda (poda nera)" è la foresta di pini neri più preziosa con alberi insolitamente alti. Alcuni alberi sono alti quasi 50 m e hanno oltre 450 anni.
Oggi il canyon del Tara attira i turisti bramosi d’avventura e di contatto diretto con la natura.
Scendere in zattera o rafting sono qualcosa che provocherà in voi un'eruzione di adrenalina. Oltre ai gommoni, si consiglia ai visitatori di fare rafting. La zattera è fatta di tronchi ed è guidata da persone esperte e coraggiose abituate a trasportare in questo modo il legname lungo il corso del fiume.
Chi trova il coraggio di affrontare quest’avventura ricorderà per sempre il sole che sorge sul canyon o le notti in cui l’unica luce è una stretta striscia di cielo stellato e sciami di lucciole.
Oltre all'affascinante canyon del Tara, gli amanti della natura non saranno meno impressionati dal Canyon Mrtvice o da quello del fiume Cijevna nella parte centrale del Montenegro. Quelli più coraggiosi non devono perdere l'occasione di passare attraverso il canyon Nevidio, l'ultimo canyon conquistato in Europa.